PRODUZIONI | CORPORATE COMMUNICATION | ABOUT  
DEM DIKK AFRICA - Africa andata e ritorno

DEM DIKK AFRICA
Africa andata e ritorno

regia Maria Martinelli

Italia - 2018 cortometraggio documentario 15’

 

di Maria Martinelli, Moussa Ndiaye, Alessandro Argnani
con Moussa Ndiaye, Adama Gueye, Serigne Fallou Diop, Alessandro Argnani 

 

una produzione Kamera Film

Vincitore del bando MigrArti - Ministero per i Beni e le Attività Culturali
con il sostegno della Regione Emilia-Romagna Film Commission

Selezione al VPB Market Screenings
della 75ma Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia

 

in collaborazione con

Ass. Takku Ligey Ravenna

Kër Théâtre Mandiaye N’Diaye

Ravenna Teatro - Teatro delle Albe

Start Cinema

 

Sinossi _ Il documentario racconta la storia di tre giovani senegalesi che vengono in Italia con una borsa di studio per realizzare uno spettacolo teatrale insieme ad un attore e a un regista italiani. Lo spettacolo, dal titolo “Thioro la bambina scalza – un Cappuccetto Rosso senegalese”, inizia qui la sua creazione e la sua tournè per proseguire però in Senegal. Il loro desiderio è di realizzare in Italia un’esperienza che possa vivere e crescere sucessivamente nella loro terra alla quale vogliono tornare. Da qui il titolo per un’Africa non a senso unico, sulle tracce del sogno del padre di uno di loro, Mandiaye N’Diaye, che ha sperato e lottato per un futuro diverso per il Senegal e per il suo villaggio dal nome Diol Kadd.

 

Appunti di regia _ La storia che abbiamo voluto raccontare è quella di una migrazione diversa dove la messa in scena dello spettacolo teatrale diventa l’occasione per tratteggiare un pensiero in grado di indicare un percorso alternativo di migrazione, fatto di progettualità, sviluppo e opportunità. Moussa Ndiaye, ereditando il pensiero del padre, celebre attore senegalese negli anni 90’ con la compagnia teatrale di Ravenna, il Teatro delle Albe, ripercorre la filosofia paterna citando nel racconto Thomas Sankara, “facciamo diventare il mercato africano, veramente africano! Sono gli Africani che devono costruire l'Africa. Se i giovani Africani non costruiscono l'Africa, chi lo farà?”. In un territorio dove la verde pianura romagnola diventa la savana e le biciclette strumenti “cavalcati” dai nostri protagonisti, il termine coniato da Ravenna Teatro, il “meticciato”, sta a significare qualcosa di più di una semplice sovrapposizione di culture e la narrazione, costruita tutta sull’azione, diventa immagine pura e corpo.

Maria Martinelli

  

direttore di produzione Elena Baschieri

direttore della fotografia Alessandra Brancati, Marco Ragno

montaggio Davide Rossetti

sound design Andrea Lepri

operatore drone Carlo Bussi

fonico di presa diretta Andrea Lepri, Riccardo Rossi

best boys Francesco Gamberini Giuseppe Cirillo

color correction Corrado Iuvara

musiche originali dello spettacolo teatrale “Thioro la bambina scalza – un Cappuccetto Rosso senegalese” Simone Marzocchi

musiche originali composte ed eseguite da Andrea Lepri.

 

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy:

© Kamera Filmgrifo.org